fbpx

massimo binelli

MENTAL COACH E FORMATORE

Il Blog di Massimo Binelli Mental Coach

Pillole di Coaching

Visualizza articoli per tag: Mindset

Ne ho già parlato nella Pillola 168, dedicata a valori, aspettative, credenze, convinzioni, ovvero i “filtri” con cui elaboriamo la realtà percepita dai nostri sensi: la responsabilità dei pensieri che decidiamo di formulare e tenere in testa è soltanto nostra. Avevo spiegato che il pensiero è l’attività mentale mediante la quale noi esseri umani prendiamo coscienza di noi stessi e della realtà, formuliamo ipotesi e giudizi, elaboriamo contenuti e informazioni per arrivare a delineare la “mappa del mondo” in cui viviamo. Quindi, se ci ronza in testa un pensiero autolesionista, dobbiamo prendercene la colpa, così come dobbiamo prenderci il merito se scegliamo di farci cullare da un pensiero di successo. Nessuno potrà mai obbligarci a pensare a qualcosa a cui non vogliamo pensare, e siccome le emozioni discendono dai pensieri e dalle immagini che scorrono nella nostra mente, dobbiamo prenderci anche la piena responsabilità delle emozioni che stiamo provando. Come si passa, dunque, da un atteggiamento da perdenti a una Mentalità Vincente?

Nessuno può toglierci la libertà di pensare

Anche un ergastolano gode di una libertà che non può essere in alcun modo limitata, né dalla legge né dalle sbarre di una cella: la libertà di scegliere a cosa pensare, e quindi la libertà di decidere con quale stato d’animo affrontare la sua condizione di carcerato.

Significa che…

… ci si può sentire liberi dentro a una prigione, ma alla stessa stregua ci si può sentire imprigionati da pensieri che scatenano emozioni negative e autosabotaggio pur godendo della massima libertà di movimento e di azione.


Nel primo caso, il carcerato vive un’esperienza di vittoria interna, pur in presenza di una irreversibile condizione di sconfitta esterna (ha sbagliato e ne pagherà le conseguenze per tutta la vita); nel secondo, chi è prigioniero dei propri pensieri vive la condizione di eterno perdente, pur potendo affrontare la vita da vincente. Se vuoi saperne di più sulle due facce della vittoria e della sconfitta, ti invito a rileggere la Pillola 159.

La costruzione di una Mentalità Vincente, quindi, parte dalla scelta consapevole di pensare sulla base di schemi vincenti, che dovranno sostituire pensieri e immagini di sconfitta che affondano le radici negli insuccessi del passato o sono scatenati dall’angoscia per il futuro.

Piccolo inciso: il concetto di “vincente”, come spiego nel mio libro “Atleta Vincente. Strategie e tecniche per diventare campioni nello sport e nella vita”, nel quale sport e vita rappresentano due facce della stessa medaglia, va interpretato in modo corretto, per evitare distorsioni e frustrazioni.

Vuoi che te la racconti io? Ok, clicca e guarda il video...

 

Le due facce del successo

Vincere non significa necessariamente salire sul gradino più alto del podio o, in senso lato, avere sempre la meglio sugli altri. Vincere significa avere la piena consapevolezza di aver dato il proprio 100 per 100, al fine di poter valutare la prestazione e mettere in atto la Formula del Miglioramento (ne ho parlato nella Pillola 153 a proposito della Motivazione).

Chi sviluppa una vera Mentalità Vincente non pretende sempre la perfezione da sé stesso, che è pura illusione. Pretende di dare il massimo in ogni circostanza e accetta il risultato che consegue, perché sa che in quel preciso momento non poteva ottenere di più, evitando, nel contempo, di criticarsi, di insultarsi o di mettere in atto comportamenti autolesionistici perché non è stato raggiunto un obiettivo, salvaguardando così la propria autostima.



Ogniqualvolta accettiamo una sconfitta esterna, ce ne assumiamo la piena responsabilità e ne approfittiamo per migliorare tutto ciò che potrà farci vincere la volta successiva, aggiungiamo un mattone alle fondamenta su cui stiamo edificando la Mentalità Vincente.

Se, in un momento di sfiducia, invece, lasciamo che un pensiero da perdenti si insinui nella nostra mente, di mattoni ne demoliamo dieci, e questa metafora ci fa capire che la stabilità della costruzione dipende esclusivamente da noi e dalla forza dei nostri pensieri.

O mental coach, e come si fa a sapere di aver costruito una Mentalità Vincente solida come il Forte Bastione?


Ero preparato alla domanda… Si può affermare con assoluta certezza di aver sviluppato una vera e incrollabile Mentalità Vincente quando si raggiunge la piena consapevolezza delle proprie emozioni.

Sì, perché le emozioni discendono dalle immagini che si formano nella nostra mente, le quali a loro volta sono evocate dai pensieri che scegliamo di formulare e tenere in testa, quindi se una persona è consapevole di provare sempre emozioni positive e funzionali, vuol dire che quella persona ha sviluppato la capacità di pensare in modo positivo, utile e funzionale, ovvero… Vincente!

Scegli cosa vuoi diventare

Abbandonarsi alle emozioni negative e non funzionali è da perdenti, vuol dire farsi dominare dalla nostra mente; scegliere quali emozioni provare, dominare le emozioni e renderle funzionali ai nostri obiettivi, invece, è da Vincenti.

«O si domina o si è dominati», giusto per citare ancora il titolo di un libro di Dario Bernazza, già menzionato nella Pillola 138.

Chi ha sviluppato una Mentalità Vincente, tuttavia, non è immune dalle sirene delle emozioni e non diventa un automa: semplicemente non si lascia paralizzare come il povero leprotto che resta immobile in mezzo alla strada ipnotizzato dai fanali del tir che sta per travolgerlo.

La Persona Vincente dialoga con le proprie emozioni, canalizza l’energia della rabbia al posto di disperderla, usa la forza dell’ansia da prestazione come attivatore potente, ascolta la paura per diventare più vigile e, se capita, approfitta della tristezza per ritrovare il contatto con sé stessa.

Il perdente, di contro, si lascia sopraffare dalla rabbia, si fa annebbiare la mente dall’ansia, si annichilisce per la paura e cade nella malinconia più profonda se sente una punta di tristezza.

Tu cosa vuoi diventare? Una Persona Vincente o un perdente?


È tua la scelta! Se continui a rimuginare sul passato e sugli errori commessi, se ti arrabbi sempre per delle stupidaggini, se pur avendo lavorato sodo hai l’ansia per quello che potrebbe andare storto, allora hai scelto di essere un perdente.

Se, all’opposto, in tutte le situazioni, anche le più difficili, ti concentri sulla ricerca di una soluzione al posto di restare impantanato nel problema, e se quando qualcosa non ha funzionato cerchi di pensare a come migliorare al posto di lamentarti, perché sei diventato consapevole che farlo è solo uno spreco di energia, allora fatti i complimenti: hai sviluppato una Mentalità Vincente.

La Persona Vincente riesce ad affrontare ogni momento della sua vita, anche il più difficile, anche il più denso di problemi, con uno stato d’animo positivo e con atteggiamento proattivo, perché ha capito che lasciarsi andare e subire gli eventi, o semplicemente reagire dopo che le cose sono successe, è come finire nelle sabbie mobili, agitarsi per uscirne, ma ottenere l’unico risultato di sprofondare lentamente e inesorabilmente, fino a restare sommersi dalla melma.

Bisogna agire in modo proattivo per evitare di finirci, nelle sabbie mobili!

È il momento di agire!

In conclusione, per sviluppare una Mentalità Vincente non devi nemmeno avere il tempo per pensare come un perdente. Vuoi scoprire come si fa? Contattami e ne parliamo… Come dico sempre, “alza le chiappe dal divano e muoviti, fai il primo passo verso il tuo obiettivo”, e anche rompere il ghiaccio con un’opinione o una domanda è un modo per uscire dal torpore e passare all’azione, non credi? ;)

Pubblicato in Crescita Personale

L’ispirazione per cucinare questa Pillola mi è venuta dopo aver macinato un po’ di chilometri alla guida della mia nuova auto elettrica. La 157, in questo senso, è stata profetica e, poco dopo averla sfornata, una Tesla me la sono comprata per davvero (al proposito, se te la sei persa, fatti quattro risate con la Pillola di Natale)! Ben presto ho imparato che un’auto alimentata a batteria si comporta in modo praticamente opposto rispetto a una con il motore a scoppio: consumi estremamente ridotti alle basse velocità e in città e aumento quasi “esponenziale” man mano che la velocità aumenta. Quando sei in viaggio, dunque, e stai esaurendo la carica, occorre adattare la velocità in funzione della distanza che ti separa della colonnina più vicina. Ebbene, anche il nostro sistema nervoso ha una specie di “accumulatore di energia”, tant’è che più volte ho parlato di ricaricare la “batteria” degli ancoraggi, e questa energia va dosata in funzione della distanza da percorrere e della velocità, proprio come si fa con una macchina elettrica, altrimenti ti pianti per strada (e, per inciso, non puoi andare al distributore con una tanica…).

Pubblicato in Crescita Sportiva
Etichettato sotto

«La prossima volta che devi decidere se prenderti carico di te stesso o meno, se fare o meno la tua scelta, poniti questa importante domanda: “Quanto manca alla mia morte?”. Con questa continua prospettiva, puoi ora compiere la tua scelta e lasciare a quelli che non muoiono mai i crucci, i timori, il dubbio se te la puoi permettere o meno, e il senso di colpa». Sono parole di Wayne Dyer, il noto psicologo statunitense autore del bestseller “Le vostre zone erronee”, già citato nella Pillola 160. La prima volta che le ho lette mi sono arrivate come un pugno nello stomaco. Ho rivissuto in un lampo tanti momenti di “lotta” con mia madre, dai quali sono sempre uscito sconfitto, e forse è questa la vera ragione per cui, con uno spirito di rivalsa, ho costruito la mia “galassia” attorno al concetto di Vincente.

Pubblicato in Crescita Personale

Nella Pillola 157 avevo messo simpaticamente a confronto un V8 Ferrari con un motore Tesla e ne era venuta fuori una metafora molto… potente! Se te la sei persa, ti invito a rivederla. Ebbene, dopo la prova in pista (quella di 400 metri, dove soffro sapendo di soffrire tutte le volte che affronto il Giro della Morte), che mi fu di ispirazione, oggi ne faremo un’altra molto speciale, questa volta però su strada, e proprio su una Tesla!

Pubblicato in Crescita Sportiva

Domenica 22 settembre 2019. Siamo in quattro, viaggiamo verso la Svizzera a bordo di un’auto ibrida. Stiamo andando a disputare il XIX Meeting Internazionale Master “Città di Bellinzona”. A un certo punto si accende una discussione che ci accompagnerà fino alla meta: al di là degli aspetti legati all’ecologia e alle invettive di tutte le Grete Thunberg del pianeta, è meglio il rombante V8 Ferrari, nominato per tre anni consecutivi miglior motore al mondo agli “International Engine of the Year Awards”, oppure il sibilante motore Tesla? Questo il dilemma. Il confronto non era tanto sulla potenza, sulla coppia o sull’accelerazione delle vetture su cui sono montati, praticamente equivalenti, ma sull’affidabilità. E mentre in due si scannavano amabilmente, nella mia testa prendeva vita questa Pillola.

Pubblicato in Crescita Sportiva

«Se vuoi diventare un Atleta Vincente, pensa come un campione, agisci come un campione, allenati come un campione, gareggia come un campione: vivi e comportati da campione». Sono queste le parole con cui chiudevo la mia Pillola 82, che ti invito a rileggere. Voglio ripartire da qui, perché diventare campioni è fondamentalmente una questione di mentalità. Prima di dedicarsi al “fare”, infatti, è importante soffermarsi sull’“essere”: non serve ammazzarsi di allenamenti se non si è intimamente convinti di poter diventare dei vincenti, tanto in allenamento quanto in gara.

Pubblicato in Crescita Sportiva
Prenota il tuo appuntamento con me
Scopri il libro ATLETA VINCENTE e acquistalo a prezzo scontato su Amazon!
Guarda subito 3 VIDEO GRATIS!
Zona Vincente Integratori alimentari per lo sport, la salute e il benessere
Iscriviti al Gruppo dedicato alla Crescita Personale e scarica l’eBook gratuito


Iscriviti al mio canale

© 2021 - Massimo Binelli - EvaBet srl - Partita Iva 01245020456

Informativa sulla Privacy