fbpx

massimo binelli

MENTAL COACH E FORMATORE

Il Blog di Massimo Binelli, Mental Coach e Formatore

Pillole di Coaching

Mercoledì, 24 Giugno 2015 22:48

Velocisti attenzione: pericolo attraversamento pedoni in pista

Questo pomeriggio, quando un assiduo frequentatore del Campo Scuola di Marina di Carrara mi ha fatto notare cosa stavano costruendo a metà del rettilineo dei 100 metri, passato un attimo di smarrimento, ho capito che Carrara, la mia città, non ha più alcuna speranza di uscire dalla melma in cui decenni di amministrazioni fallimentari l’hanno fatta sprofondare.
Se il calcio piange, visto che la Carrarese, dopo la rinuncia di mister Gigi Buffon a frugarsi ancora in tasca, rischia di ripartire dai dilettanti, gli altri sport, e in particolare l’atletica, sono alla disperazione.

Prima Legge di Cipolla: “Ognuno di noi sottovaluta il numero di individui stupidi in circolazione”
campo scuola 1Dopo anni di abbandono e di inagibilità, durante il mese di aprile hanno demolito una vecchia tribuna fatiscente e inutilizzabile. In questi ultimi giorni, al suo posto (e dunque, senza una gradinata per il pubblico, che mai verrà ricostruita, il campo di atletica di via Bassagrande non potrà più essere omologato nemmeno per ospitare un campionato condominiale), hanno piazzato alcuni box prefabbricati per i servizi igienici riservati ai bambini.
E qui c’è il colpo di genio: come si vede dalle foto, hanno creato l’accesso a metà del rettilineo finale, tagliando una porzione della ringhiera, che creava un minimo di protezione tra l’esterno e le corsie. Non contenti, perché le Cinque leggi che formano la Teoria della Stupidità di Carlo Maria Cipolla non ammettono deroghe, hanno addirittura realizzato un camminamento in cemento armato rialzato, perpendicolare alla pista! Senza contare che la parte esterna della pista, quella compresa tra la zona rossa e la ringhiera, era usata per il riscaldamento, mentre da oggi in poi, attraversata da un’oscena passerella in cemento, diventerà completamente inutilizzabile. Che San Pietro Mennea da Barletta perdoni costoro, perché non sanno quello che hanno fatto…

campo scuola 2

campo scuola 3

campo scuola 4
Perché queste cose succedono solo qui, a Carrara?
Nel corso della mia lunga carriera di atleta, ho frequentato centinaia di impianti sportivi in giro per il mondo, ma uno scempio di tale portata non l’avevo mai visto. Ovunque capiti di andare, le piste, e in particolare i rettilinei finali, sono protetti come se fossero autostrade, ed è giusto che sia così, poiché un atleta di 80 chili che corre alla massima velocità possiede un’energia cinetica, e di conseguenza una forza d’urto, paragonabile a quella di uno scooter lanciato a quasi 40 chilometri orari. Al campo scuola di Marina di Carrara, per assoluta mancanza di cultura sportiva, e dunque per totale deficienza di regole e di addetti istruiti all’uopo e in grado di farle rispettare, è frequente trovare mamme che spingono carrozzine in pista, pensionati che passeggiano beatamente in prima corsia e si infastidiscono se dici loro di uscire dall’area di allenamento, bambini accompagnati da nonni e genitori che vengono lasciati a scorrazzare liberamente nel prato centrale e attraversano la pista senza curarsi minimamente di guardare da una parte e dall’altra. Più di una volta ho evitato all’ultimo istante scontri che avrebbero potuto rivelarsi devastanti, per me e per il pedone distratto, ma in alcuni casi l’incidente, per fortuna non grave, c’è già stato. Da oggi in poi, con un varco aperto e con una passerella a livello pista, cosa potrà mai succedere? Immagino già le corse festose in direzione bagno, accompagnate da capitomboli, urli e strepiti.

Onore al maresciallo Jacques de La Palice
Mi domando: sarebbe stato troppo lapalissiano ruotare la struttura prefabbricata di 180 gradi e posizionare l’accesso dal retro, lasciando integra la ringhiera e consentendo l’accesso alla zona servizi prima della partenza o dopo la linea di arrivo? Per completare l’opera d’ingegno, si dice che manchino le strisce pedonali, il segnale di attraversamento bambini e un semaforo a chiamata per i bipedi da piazzare giusto ai 50 metri. Per il resto, in caso di incidente compileremo il CID, ma le constatazioni, c'è da giurarlo, non saranno tanto... amichevoli!

Qui puoi leggere il seguito della vicenda, dalle parole sconclusionate dellassessore allo Sport Dante Benedini alla mia replica.

Ultima modifica il Lunedì, 06 Luglio 2015 10:22
Prenota il tuo appuntamento con me
Scopri il libro ATLETA VINCENTE e acquistalo a prezzo scontato su Amazon!
Guarda subito 3 VIDEO GRATIS!
Zona Vincente Integratori alimentari per lo sport, la salute e il benessere
Iscriviti al Gruppo dedicato alla Crescita Personale e scarica l’eBook gratuito


Iscriviti al mio canale

© 2021 - Massimo Binelli - EvaBet srl - Partita Iva 01245020456

Informativa sulla Privacy